Creare Sito Web

Confronto CMS: i CMS Più Popolari del 2022 (Statistiche)

Autore
Martin Gschwentner
Ultimo aggiornamento

Per attirare e trattenere i visitatori del tuo sito web, devi offrire qualcosa di valore. Che si tratti di articoli, video o immagini, è assolutamente essenziale che i tuoi contenuti non siano solo interessanti, ma anche di alta qualità e facili da trovare per i motori di ricerca. Poiché Internet è in rapido movimento, i buoni contenuti da soli non sono sufficienti; devono anche essere aggiornati e gestiti in modo efficace. Tutto questo è reso possibile dai sistemi di gestione dei contenuti (CMS).

I CMS aiutano i proprietari di siti a creare, modificare e pubblicare contenuti senza un minimo di conoscenza di programmazione. Data la loro praticità, la scelta della piattaforma è abbastanza ampia. Per aiutarti a restringere la ricerca, abbiamo compilato un elenco dei CMS più utilizzati, indicando quelli che attualmente stanno godendo di un aumento di popolarità.

Statistiche - i CMS Più Popolari

Solo perché una cosa viene utilizzata da molte persone non significa che sia la migliore ma, allo stesso tempo, di solito ci sono ottime ragioni per cui servizi o prodotti diventano così popolari tra gli utenti. Abbiamo dato un'occhiata ai 5 milioni di siti web più visitati al mondo e per 887.130 di questi siamo stati in grado di determinare quali integrazioni CMS stavano utilizzando. La stragrande maggioranza utilizza l'indiscusso numero 1 nel mercato dei CMS: WordPress.

1.

WordPress

WordPress è la soluzione CMS universale. Pertanto, non sorprende che oltre il 75% dei siti web per i quali abbiamo potuto identificare le integrazioni CMS si basassero su questa piattaforma. Dalle sue umili radici come software di blogging, WordPress ha acquisito un numero sempre maggiore di caratteristiche e funzioni, sviluppandosi gradualmente in un CMS completo.

WordPress, già altamente versatile di suo, può essere esteso ulteriormente con innumerevoli plugin.

WordPress rimane utilizzato da molti blogger, ma la sua versatilità lo ha visto diventare la soluzione ideale per le piccole imprese, le aziende Fortune-500 e tanto altro. Un ulteriore contributo alla popolarità della piattaforma è che è open source e gratuita.

WordPress domina, ma i suoi concorrenti non hanno comunque gettato la spugna. Per gli utenti con meno esperienza tecnica o pazienza, i programmi di creazione di siti web, che spesso includono l'hosting, emergono come una scelta popolare. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che rendono le cose ancora più semplici dei CMS auto-ospitati come WordPress.

Gestione contenuto intuitiva

Open source e, di conseguenza, gratuito

Innumerevoli estensioni e plugin

Vasta comunità e presenza di tantissimo materiale di supporto

Ideale sia per progetti piccoli che ampi

Curva di apprendimento più ripida rispetto a molti CMS più recenti e più facili da usare

A volte troppo dettagliato per progetti piccoli

Preso di mira dagli hacker a causa della sua considerevole base di utenti

2.

Drupal

Simile a WordPress, Drupal è un CMS versatile e open source che consente ai suoi utenti di creare blog semplici, siti web intricati o persino interi social network. Dal momento che rappresenta circa il 5,6% delle integrazioni CMS per i siti web del nostro campione, Drupal ha conquistato il secondo posto nella nostra lista, sebbene la distanza dal primo sia considerevole.

La configurazione di Drupal è un po' più complicata di WordPress e, se esegui tutto per impostazione predefinita, dovrai apportare alcune modifiche aggiuntive. Detto questo, Drupal è adatto a sviluppatori esperti che cercano di dare vita a siti web più dettagliati.

Drupal occupa il secondo posto nella nostra lista, ad una certa distanza dal nostro n. 1, WordPress.

In quanto CMS open source, Drupal è gratuito e non richiede agli utenti il ​​pagamento di licenze o altri costi. Poiché si tratta di un CMS auto-ospitato, dovrai comunque pagare per l'hosting, la protezione del tuo sito web e altro ancora.

CMS gratuito e open source

Versatile, più adatto agli sviluppatori e a progetti dettagliati

Può essere esteso con vari moduli

Concepito per sviluppatori esperti

Installazione di default più complicata di WordPress

Molti moduli sono a pagamento

3.

Joomla

Joomla rappresenta il 3,7% del nostro campione e arriva al terzo posto dietro a WordPress e Drupal. Questo CMS open source è meno complicato di Drupal e, per la maggior parte delle aree, più flessibile di WordPress, semplificando la creazione di siti web complessi per gli utenti che non dispongono di una vasta esperienza di programmazione.

Joomla è anch'esso open source e fondamentalmente gratis.

Uno dei maggiori vantaggi di Joomla è che offre agli utenti la possibilità di creare localizzazioni in più lingue per una singola pagina, una cosa che con altre piattaforme, come WordPress, è possibile solo tramite plugin di terze parti. Gli utenti hanno anche maggiore flessibilità nella personalizzazione e nella progettazione di modelli, con l'ulteriore possibilità di utilizzare modelli diversi all'interno di un unico progetto.

Meno complicato di Drupal; in molti sensi più flessibile di WordPress

Possibilità di creare localizzazioni in più lingue per un singolo sito senza plugin aggiuntivi

Non richiede una conoscenza avanzata di programmazione

Curva di apprendimento più ripida di WordPress

Marketplace di terze parti non sviluppato bene come quello dei suoi concorrenti

Man mano che , nel tempo, il numero di argomenti contro la creazione di un sito web è diminuito, sempre più persone, anche quelle prive di esperienza di programmazione, hanno iniziato a creare presenze digitali attraverso siti, blog o negozi online.

Per soddisfare questa clientela, i CMS per principianti sono diventati popolari, così come i programmi di creazione di siti web. Questi ultimi, che si occupano di tutto, dall'hosting alla sicurezza, spesso trasformano la progettazione di un sito o di un negozio in un semplice trascinamento e rilascio di elementi, da sistemare secondo le proprie preferenze.

Mentre i numeri degli utenti per Drupal e Joomla sono rimasti stagnanti, o addirittura hanno iniziato a diminuire (WordPress continua a crescere), quelli per i software di creazione di siti come Squarespace, Wix, o Weebly non hanno fatto altro che aumentare.

I CMS Headless (letteralmente "senza testa"), come Contentful, semplificano la gestione dei contenuti per un'ampia varietà di dispositivi e, come tali, hanno avuto un boom di popolarità, come vedremo di seguito.

1.

Contentful

Contentful è un tipo di "CMS Headless", una tipologia che ha goduto di una crescita significativa nell'ultimo anno. Il CMS Headless è una nuova generazione di CMS che separa il front-end (head, testa) dal contenuto del sito (body, corpo).

In un CMS classico, i livelli di contenuto e presentazione di un sito web sono intrecciati, visualizzandoli come un sito in un browser (ad esempio); il CMS Headless si concentra invece sulla creazione e amministrazione di contenuti. I canali attraverso i quali viene prodotto questo contenuto sono regolati da versatili integrazioni API.

Il vantaggio è che gli editor CMS possono concentrarsi interamente sul contenuto. A loro volta, questi contenuti possono essere trasmessi a tutti i tipi di dispositivi, dai siti web alle app per smartphone, agli altoparlanti intelligenti o agli occhiali VR.

Contentful semplifica la modalità di output del contenuto tramite più API.

La creazione e la gestione di contenuti con Contentful non richiede una conoscenza specializzata di programmazione e gli editor possono utilizzare la piattaforma da soli. Per la progettazione delle app e dei siti su cui verrà prodotto il contenuto, tuttavia, sono necessari degli sviluppatori.

2.

Wix

Nella nostra valutazione dei migliori programmi di creazione di siti web, Wix è arrivato al primo posto. I suoi utenti sono molto soddisfatti del servizio, e ciò è sottolineato da una crescita dell'utilizzo del 45% nell'ultimo anno.

Wix è arrivato primo nella nostra classifica dei software di creazione di siti web.

Non è difficile comprendere la popolarità del servizio: Wix offre un'interfaccia utente intuitiva, un editor regolare e uno rivolto ai principianti e rende la progettazione ancora più semplice. Grazie all'ampia varietà di funzionalità, alle innumerevoli possibilità di design e all'app market ben fornito, gli utenti di tutti i tipi e livelli di esperienza possono dare vita alle loro visioni digitali.

3.

Squarespace

Squarespace è un altro software di creazione di siti web che ha goduto di una crescita considerevole negli ultimi tempi e, ancora una volta, possiamo comprenderne i motivi. Nella nostra valutazione, la piattaforma ha ottenuto il massimo dei voti e una valutazione di "Molto buono".

Abbiamo particolarmente apprezzato l'eleganza e l'alta qualità dei design di Squarespace, che sono stati entrambi i biglietti da visita degli sviluppatori per un po' di tempo. Oltre a ciò, la piattaforma è intuitiva da usare, aumentando il suo fascino per gli utenti di tutti i tipi e livelli di esperienza.

Le opzioni di design pulite e professionali di Squarespace sono uno dei motivi della fama della piattaforma.

C'è un po' meno varietà per quanto riguarda le estensioni. Ce ne sono alcune disponibili, ma poiché Squarespace è un sistema chiuso, il numero di plug-in è notevolmente inferiore rispetto ad altri programmi di creazione di siti, come Wix. In termini di prezzi, Squarespace è un servizio premium e, come tale, anche leggermente più costoso dei suoi concorrenti.

Risultato Complessivo

WordPress rimane l'indiscusso "re dei CMS" ed è un potente tuttofare, anche tra le opzioni auto-ospitate. La piattaforma è relativamente facile da usare, adatta ai principianti, ma anche abbastanza flessibile da offrire agli utenti più esperti una certa libertà di realizzare tutto ciò che hanno in mente. Per coloro che hanno delle capacità tecniche in più, Drupal o Joomla sono delle valide soluzioni.

A parte i primi 3 CMS più comunemente usati, c'è un intero mondo di altre piattaforme, alcune delle quali, come abbiamo sottolineato sopra nella sezione "Tendenze", potrebbero rappresentare una minaccia, anche per WordPress.

Conclusioni

Le statistiche non mentono: WordPress è il re indiscusso dei CMS. La piattaforma domina il mondo del design di siti web come nessun altro e continua a crescere, anche mentre i suoi diretti concorrenti ristagnano o perdono utenti.

Tuttavia, distogliendo lo sguardo da WordPress solo per pochi istanti, diventa chiaro che stanno succedendo molte cose nel mondo dei CMS. In particolare, i programmi di creazione di siti web altamente intuitivi e i CMS Headless stanno godendo di un'impennata di popolarità dimostrando, almeno a noi, che la semplicità è la chiave essenziale per quanto riguarda la creazione e l'amministrazione di contenuti digitali.

Nella nostra valutazione completa su Digitale.co, abbiamo esaminato in dettaglio 8 famosi software di creazione di siti, e ti spieghiamo quali ci hanno colpito.

Domande Frequenti

Qual è il CMS più popolare?
WordPress è di gran lunga il CMS più popolare, alimentando il 77,9% dei siti web da noi esaminati, per i quali abbiamo potuto accertare che fossero integrati con il CMS. Per dare dei numeri, su 5 milioni di siti e 887.130 integrazioni, 691.237 utilizzano WordPress.

Quale CMS è quello giusto per me?
La scelta del CMS giusto dipende dal tuo livello di esperienza e dalle tue esigenze. Software open source come WordPress, Drupal o Joomla consentono di completare progetti variegati, ma avrai bisogno di alcune conoscenze di programmazione per realizzarli. Inoltre, con un CMS open source, dovrai anche occuparti dell'hosting e della sicurezza. Detto questo, WordPress è particolarmente popolare e, per un CMS classico, una valida scelta. I software di creazione di siti web facilitano notevolmente la creazione di siti, ma spesso sono meno flessibili dei tradizionali CMS. La piattaforma con il punteggio più alto nella nostra valutazione è stata Wix, che ci ha colpiti in particolare per la sua ampia varietà di funzionalità e facilità d'uso.

Come posso sapere quale CMS utilizza un sito?
Grazie al Technology Check di Digitale.co è possibile scoprire quale tecnologia sta utilizzando un sito web semplicemente inserendo il suo indirizzo.

Autore: Martin Gschwentner
Martin Gschwentner ha studiato American Studies e Media Studies in Germania, USA e Francia e lavora come editor freelance a Parigi. È dottorando all'Istituto di studi inglesi e americani dell'Università di Parigi Diderot, dove sta concentrando i suoi studi e ricerche sull'influenza del denaro sulla politica americana. Su DIGITALE.co scrive di sicurezza informatica, privacy e software.
Altre lingue:
Deutsch Français English