Motori di Ricerca Anonimi - 3 Alternative a Google

Julia P. Manzau
Autore
Ultimo aggiornamento

Come Xerox, la popolarità di Google ha introdotto cambiamenti linguistici, arrivando ad essere utilizzato nel linguaggio quotidiano come sinonimo di ricerca online. Non si può negare che Google domini il mondo digitale come pochi altri, tuttavia negli ultimi anni sono aumentate le critiche verso le sue politiche di raccolta dati, che alcuni giudicano eccessivamente aggressive. Detta in modo più brutale, Google non rispetta l'anonimato dei suoi utenti, spiandoli regolarmente. Ciò è comprensibile considerando che vengono effettuate circa 3,8 milioni di ricerche al minuto, trasformando il motore di ricerca di Google in una stampante di denaro.

Secondo Statista, circa il 62% di tutte le ricerche su Internet negli Stati Uniti nel 2020 erano effettuate con Google, rispetto al 25% effettuato sui siti Microsoft, che si posiziona al secondo posto. Una maggiore privacy e protezione dei dati sono solo due aree in cui Google non funziona molto bene. Altri motori di ricerca offrono funzionalità aggiuntive o si concentrano sull'ospitare tipi specifici di contenuti o siti.

Detto questo, abbiamo esaminato più da vicino tre motori di ricerca anonimi, DuckDuckGo, Startpage e Qwant, per scoprire cosa hanno da offrire, in cosa sono specializzati e quanto sono buoni i loro risultati.

DuckDuckGo

Risultati di ricerca più pertinenti e meno annunci erano ciò che Gabriel Weinberg aveva in mente quando ha lanciato DuckDuckGo nel 2008. Tuttavia, il motore di ricerca non ha mai avuto un impatto così grande come Google, rimanendo invece una valida alternativa per gli internauti interessati a preservare la propria privacy digitale.

L'infinito appetito di Google per dati sempre più numerosi ha visto DuckDuckGo godere di un boom di popolarità di recente, traendo vantaggio dal fatto che offre un maggiore anonimato e accumulando 100 milioni di richieste di ricerca all'anno. Anche il numero di utenti è raddoppiato nell'ultimo anno.

Nessun filtro

La cosa particolarmente interessante di DuckDuckGo è che non salva gli indirizzi IP dei suoi utenti, non raccoglie informazioni né crea protocolli su di loro. Anche i cookie sono ridotti al minimo. Il motore di ricerca si finanzia tramite annunci, tuttavia questi si basano sui termini di ricerca, non sulla profilazione dell'utente.

Questo approccio alla protezione dei dati significa che tutti i risultati di ricerca sono correlati a ciò che cerchi e non al tuo profilo. Al contrario, Google filtra i risultati che ti vengono forniti in base a come ti sei comportato in passato, a cosa hai cercato e su cosa hai cliccato.

DuckDuckGo crittografa inoltre ogni query di ricerca, utilizzando la perfect forward secrecy (PFS), un processo di crittografia altamente sicuro.

DuckDuckGo fornisce risultati di ricerca in modo chiaro e ben strutturato, privilegiando la protezione dei dati degli utenti e la privacy.

Anche se DuckDuckGo promette ai suoi utenti l'anonimato, è importante ricordare che il servizio ha sede a Paoli, in Pennsylvania, il che significa che la società, come tutte le aziende americane, è soggetta allo USA PATRIOT Act. Se un ente del governo federale, come l'FBI o la NSA, richiede i tuoi dati, DuckDuckGo sarà tenuto a fornirli. Oltre a ciò, il motore di ricerca riceve commissioni di affiliazione da Amazon ed eBay, quindi memorizza le ricerche, anche se anonime.

Che cosa può fare DuckDuckGo?

Praticamente tutto ciò che può fare Google. Il motore di ricerca ha un'interfaccia utente chiara con pochi annunci, che possono essere disattivati ​​nelle impostazioni di configurazione. I risultati della ricerca sono presentati chiaramente su un lato dello schermo e puoi aprirli con un solo clic.

Puoi personalizzare DuckDuckGo tramite le impostazioni.

Oltre alle ricerche testuali, puoi anche cercare immagini, video, notizie e mappe, filtrando i risultati in base a quando sono stati creati ed escludendo i contenuti per adulti. DuckDuckGo ha anche un'interessante funzionalità chiamata Bangs, in pratica delle scorciatoie che ti portano a cercare risultati su altri siti come Amazon o Facebook. Se inserisci !amazon tv, ad esempio, verrai indirizzato direttamente all'elenco di TV di Amazon. Tuttavia, non appena entri in quel sito, il tuo anonimato scompare.

I motori di ricerca sono validi solo quanto l'indice o l'insieme di parole chiave ricercabili che utilizzano. In quest'area, DuckDuckGo si posiziona bene, utilizzando gli indici di Yandex e Bing, nonché DuckDuckBot per eseguire la scansione di Internet.

Ricerche anonime.

Protegge la tua privacy.

Strutturato in modo chiaro.

Scarsa qualità dei risultati di ricerca.

Sede negli Stati Uniti.

Salva anonimamente le tue ricerche.

Startpage

Startpage può far risalire le sue radici al 1998, quando era conosciuto come Ixquick. Ribattezzato nel 2006, il motore di ricerca gestito dalla Startpage B.V. con sede a L'Aia è il più discreto al mondo. Dal 2019 la società è di proprietà del gruppo statunitense Privacy One. Pertanto, resta da vedere se Startpage continuerà a impegnarsi per la protezione dei dati e la privacy come è stato finora.

A differenza di Google, Startpage non registra gli indirizzi IP dei suoi utenti, le loro ricerche o il loro browser. Il motore di ricerca crittografa inoltre ogni richiesta, il che significa che nessun altro sito web sarà in grado di monitorare il tuo comportamento di navigazione. Le richieste europee vengono instradate esclusivamente attraverso server con sede in Europa.

Startpage utilizza l'indice di ricerca di Google, fornendo di conseguenza risultati di alta qualità. Il motore di ricerca colpisce per il suo alto livello di discrezione e privacy dei dati, tuttavia è stato recentemente acquistato da una società statunitense.

Sebbene Startpage generi entrate attraverso la pubblicità, l'azienda si astiene da annunci mirati o personalizzati. Come DuckDuckGo, gli annunci si basano solo sulla tua ricerca corrente.

Il motore di ricerca è semplice e senza fronzoli, mentre i risultati possono essere filtrati per tipo, data o regione.

Google, ma senza ficcanasare

Startpage è in grado di fare tutto ciò che fa Google, ma in modo discreto e senza filtrare. Il motore di ricerca utilizza l'indice di Google, il che significa che i suoi risultati sono buoni come quelli di quest'ultimo, con tutte le richieste mantenute anonime in modo che Google non possa seguire ciò che hai fatto.

Gli utenti possono anche aprire le pagine in modo anonimo tramite un server proxy, che funziona in modo simile a una VPN o al Browser Tor, nascondendo il tuo indirizzo IP e altre informazioni che potrebbero far risalire a te.

Usando la "Vista Anonima" puoi visitare i siti in modo anonimo.

Uno svantaggio è che non riceverai risultati di ricerca locali, poiché Startpage non monitora la tua posizione. Startpage inoltre non offre mappe come Google Maps, rendendo necessario l'utilizzo di un altro provider per la navigazione verso una posizione specifica.

Ricerche anonime.

Offre una considerevole protezione dei dati.

Risultati di ricerca di qualità come Google.

Venduto ad una compagnia statunitense; sviluppi incerti

Qwant

Per un po' più di colore, puoi usare Qwant, un motore di ricerca francese presente sul mercato dal 2013. Il servizio promette di proteggere completamente la privacy dei suoi utenti. Originariamente il motore di ricerca di tendenza francese, Qwant, ha goduto di una grande attenzione anche al di fuori del paese.

Qwant non salva le informazioni di ricerca, i cookie dei propri utenti, né li identifica o li segue.

Qwant è un motore di ricerca colorato e con molte ambizioni. Le ricerche sono comode, il servizio offre una rigorosa protezione dei dati e i suoi risultati sono competitivi.

Qualsiasi motore di ricerca che si pubblicizzi come anonimo deve fornire contenuti non filtrati, in un ordine casuale, senza basarsi su un profilo di ricerca. Sebbene tutti e tre i provider che abbiamo valutato in questa recensione lo facciano, solo Qwant utilizza un indice di ricerca proprietario e ha investito molto in esso, garantendo che fornisca risultati di alta qualità.

Come gli altri due servizi, Qwant si finanzia principalmente tramite annunci, la cui rilevanza dipende dalle ricerche degli utenti.

Servizio speciale per i bambini

Qwant non offre solo le classiche ricerche su Internet, ma anche un motore di ricerca pensato per i bambini di età compresa tra 6 e 12 anni, Qwant Junior.

Qwant Junior, il motore di ricerca di Qwant per i bambini, è ancora più colorato.

Con questo, l'azienda vuole chiaramente offrire ai minori la possibilità di scoprire Internet in modo sicuro e controllato. Troverai fiabe, storie, video didattici e notizie per bambini. Per coloro che creano un account utente con il permesso dei genitori, è possibile accedere anche a giochi, lezioni e hobby, sebbene, ad oggi, solo in francese.

Secondo l'azienda, nel 2020 ci sono stati 5 milioni di visitatori mensili.

Fornisce un'importante protezione dei dati e privacy.

Motore di ricerca speciale per i bambini.

Indice di ricerca proprietario che restituisce buoni risultati.

Focalizzato sugli utenti francesi.

Alternative

Insieme ai tre che abbiamo esaminato sopra, ci sono molti altri motori di ricerca anonimi sul mercato. Due dei più interessanti sono Swisscows ed Ecosia. Come suggerisce il nome, il primo viene dalla Svizzera e afferma "NON memorizziamo i tuoi dati!" In particolare, ciò include il tuo indirizzo IP, le informazioni sul browser e sul dispositivo, nonché le ricerche.

Il motore di ricerca indicizza Internet e utilizza anche i propri server, ben protetti nei bunker nelle profondità delle Alpi svizzere. Swisscows è finanziata attraverso donazioni e sponsor, i quali vengono mostrati con banner discreti. Inoltre, il servizio sta pianificando una IPO.

Il provider pone l'accento sulla semplicità d'uso, non elencando alcun contenuto riservato agli adulti.

Fai qualcosa di buono con le tue ricerche

Ecosia, con sede a Berlino, promette di aiutare l'ambiente con ogni ricerca. Secondo le versioni della società, i suoi server sono alimentati da energia rinnovabile, con la maggior parte delle entrate generate attraverso i suoi annunci che finanziano gli sforzi di riforestazione.

Vuoi aiutare l'ambiente con le tue ricerche? Allora dai un'occhiata a Ecosia.

Ecosia è stata fondata da Christian Kroll, che ha trascorso molto tempo in Nepal e in Sud America, assistendo in prima persona ai problemi ecologici. Di conseguenza, ha voluto fare qualcosa, sviluppando un motore di ricerca verde.

Il motore di ricerca investe la maggior parte delle entrate dei suoi sponsor e annunci negli sforzi di riforestazione, per cui 45 richieste circa equivalgono ad un nuovo albero.

Ecosia è stata criticata per il suo attivismo, in seguito alla sua decisione di affiancare il suo marchio alle aziende accusate di essere le maggiori "distruttrici del clima". Il motore di ricerca salva temporaneamente le richieste, rendendole anonime solo dopo una settimana. Ecosia non ha un proprio indice di ricerca, utilizzando invece quello di Bing.

Conclusioni

Quando si tratta di motori di ricerca anonimi, dovresti accertarti non solo che proteggano i tuoi dati e la tua privacy, ma anche che i risultati di ricerca restituiti siano pertinenti e di una certa qualità. Considerando tutto quanto sopra, Startpage è la migliore alternativa a Google, tuttavia resta da vedere cosa significherà la sua recente acquisizione da parte di una società madre statunitense.

Anche DuckDuckGo è una valida alternativa, sebbene, in quanto azienda con sede negli Stati Uniti, deve necessariamente aderire allo USA PATRIOT Act, impedendo l'anonimato al 100%.

Qwant completa il nostro elenco delle tre migliori alternative a Google. Il provider francese non solo pone l'accento sulla protezione dei dati, ma ha anche sviluppato un proprio indice di ricerca.

Nel complesso, ci sono molte potenti alternative a Google per chiunque apprezzi l'anonimato e la protezione dei dati. Ovviamente, dovrai dimenticare le tue esperienze con Google e fare qualche piccola modifica alle tue abitudini.

Autore: Julia P. Manzau
Julia P. Manzau ha 30 anni di esperienza professionale in posizioni di spicco nel settore editoriale e marketing, tra le altre per aziende nei settori automotive, ingegneria meccanica e medico. Ha studiato politica e storia a Bonn e marketing alla St. Gallen Business School e ha una laurea in ingegneria dei media (CCI). Lavora come scrittrice freelance dal 2015. Su DIGITALE.co scrive sui temi software, internet e marketing.
Altre lingue:
Deutsch Français English