Provider VPN

Migliori VPN per Linux: Queste 5 App Valgono il Loro Prezzo

Autore
Erik Bärwaldt
Ultimo aggiornamento
27. apr 2023

Linux è un sistema operativo gratuito che si concentra molto sulla sicurezza, sulla privacy e sulla flessibilità. Alcune distribuzioni di Linux sono persino orientate specificamente agli utenti attenti alla sicurezza. Pertanto, non sorprende che ci sia molto in comune tra i gruppi target per Linux e VPN.

La maggior parte dei provider VPN ha riconosciuto questo potenziale, offrendo app client con interfaccia grafica (GUI) che possono essere integrate in un sistema Linux in pochi passaggi. In questo articolo ti spiegheremo a cosa prestare attenzione nella scelta di una VPN per Linux e quali provider dovresti prendere in considerazione.

Top VPN 2024
Sponsorizzato
da 2,99 €
al mese
NordVPN
da 6,23 €
al mese
ExpressVPN
da 0,00 €
al mese
Proton VPN
da 1,99 €
al mese
Surfshark
mostra tutto

Cosa Rende una VPN Adatta a Linux?

Oltre alla velocità di connessione, anche la sicurezza di una VPN è importante. Il client GUI dovrebbe essere aggiornato regolarmente, e deve esserci un valido supporto per i derivati ​​Linux. Poiché i moderni concetti di gestione dei pacchetti come AppImage o Flatpak consentono ai programmi di essere utilizzati indipendentemente dalla loro distribuzione, non è necessario che ogni famiglia di distribuzione abbia il proprio pacchetto.

Alcune VPN offrono solo funzionalità di base agli utenti Linux e non hanno frontend grafici, il che significa che gli abbonati avranno bisogno di una conoscenza più approfondita di Linux per utilizzarle effettivamente. Poiché Linux è diventato più adatto ai principianti e utilizzabile da coloro che non hanno familiarità con la gestione dei pacchetti e il prompt dei comandi, la VPN dovrebbe avere un'interfaccia utente intuitiva, che renda la connessione a una rete il più semplice possibile.

Una VPN moderna per Linux dovrebbe avere un'interfaccia utente grafica, proprio come su qualsiasi altro sistema operativo.

Le VPN con app open source sono particolarmente affidabili, poiché chiunque può controllarne il codice per trovare punti deboli o problemi. Ciò ha l'ulteriore vantaggio di consentire l'identificazione dei problemi di sicurezza più rapidamente rispetto al software proprietario.

Con le VPN open source, inoltre, non dovrai preoccuparti di backdoor segrete, che consentono alle autorità governative di monitorare ciò che stai facendo.

Infine, chiunque sia interessato a una VPN, indipendentemente dal sistema operativo che utilizza, dovrebbe accertarsi che il proprio provider si sottoponga a controlli di sicurezza regolari, condotti da terze parti indipendenti e rispettabili. I servizi VPN affidabili garantiscono anche una solida politica no-log, ma solo un audit positivo di terze parti può effettivamente confermarlo.

VPN Linux: La Nostra Top 5

Di seguito ti presentiamo le nostre migliori 5 VPN per Linux:

1.

Private Internet Access (PIA)

Private Internet Access
Private Internet Access
(196.243 )
Oltre alla sua enorme rete di server e alla sua politica "no log" a prova di audit, Private Internet Access si distingue dalla concorrenza con la sua app basata su moduli, che può essere adattata alle abitudini di ciascun utente.
Oltre 34.000 server in 84 paesi
Client VPN personalizzabile
Ampia gamma di funzionalità
Controllo di sicurezza indipendente nel 2022
Le prestazioni potrebbero essere migliori
8,2
buono
Dati
illimitato
Dispositivi
10
Protocolli
2
Durata contratto
1 - 36 mesi
Private Internet Access 3 anni
1,94 €
prezzo mensile
Visita Sito Web*

Private Internet Access (PIA), con sede a Denver, in Colorado, offre l'accesso a una delle più grandi reti VPN del pianeta, con circa 35.000 server, distribuiti in 84 paesi. Come la maggior parte delle VPN, sono disponibili diversi abbonamenti, e i contratti più lunghi offrono sconti maggiori sul prezzo mensile.

Gli abbonati Linux possono aspettarsi un'interfaccia utente grafica, scaricabile come pacchetto binario generico. Ciò significa che la GUI può essere utilizzata con qualsiasi distribuzione in esecuzione.

L'app Linux di PIA è open source e offre tutte le funzionalità garantite per altri sistemi operativi: split tunneling, kill switch, i protocolli OpenVPN e WireGuard e un adblocker basato su DNS, che protegge dal tracciamento e dal marketing invadente.

Private Internet Access offre tantissime configurazioni e opzioni.

Inoltre, gli utenti PIA possono sottoscrivere in modo anonimo i propri abbonamenti utilizzando carte regalo o criptovalute. La rigorosa politica no-log del servizio garantisce che nessun dato dell'utente venga salvato.

Il Rapporto sulla Trasparenza di PIA mostra che a febbraio 2022 il servizio aveva ricevuto 9 richieste di ingiunzione dai tribunali, 6 richieste di mandato e 6 richieste di citazioni in giudizio da parte delle autorità governative. A causa della rigorosa politica no-log del provider, non è stato possibile soddisfare nessuna di queste richieste in quanto non memorizza alcun dato degli utenti.

Sebbene un report autonomo sia una buona cosa, preferiamo fidarci di controlli esterni e, anche in questo caso, PIA non delude. Nel giugno 2022, Deloitte ha confermato che le "configurazioni del server di PIA sono in linea con le politiche sulla privacy interne e non sono progettate per identificare gli utenti o individuare le loro attività".

  • Enorme rete di server sparsa per il mondo

  • Compatibile con molte distribuzioni Linux

  • Estensioni per la maggior parte dei browser

  • Include tantissime funzionalità come split tunneling, kill switch e un adblocker

  • Stringente politica no-log

  • Controllo di sicurezza esterno nel 2022

  • Ha sede negli Stati Uniti

  • I server VPN virtuali sono più lenti di quelli fisici

Recensione
8,2
buono
Visita Sito Web*
Leggi la recensione
Bedienung & Features
10 / 10
Rete di Server
9,4 / 10
Assistenza clienti
8,0 / 10
Performance
7,4 / 10
Sicurezza & Privacy
6,0 / 10
2.

OVPN

OVPN, di origine svedese, dà la priorità alla sicurezza e all'anonimato dei suoi utenti. Per raggiungere questo obiettivo, questo provider relativamente piccolo adotta alcuni approcci interessanti sia a livello hardware che software.

Per iniziare, i server di OVPN sono completamente di proprietà dell'azienda e non utilizzano dispositivi di archiviazione di massa come dischi rigidi o SSD. Ciò significa che il sistema operativo e il servizio server operano interamente sulla RAM. Per il sistema operativo di OVPN viene utilizzata una versione modificata di Alpine Linux e non vengono raccolti registri delle attività.

Nell'app OVPN, puoi vedere facilmente le statistiche della tua connessione.

OVPN offre app client per tutti i tipi di derivati ​​Linux e la comunicazione client-server è completamente crittografata. I protocolli utilizzati sono OpenVPN e WireGuard. Informazioni più dettagliate su quali metodi crittografici utilizza il provider possono essere trovate sul suo sito web.

In termini di prezzi, gli utenti possono scegliere tra diversi pacchetti di abbonamento, e sono offerti degli sconti per i contratti più lunghi. È supportata una gamma di diversi metodi di pagamento e sono accettate anche le criptovalute. OVPN gestisce attualmente 102 server in 32 sedi, principalmente in Europa e Nord America. Oltre a questi, ci sono anche server a Singapore, in Australia e in Giappone.

  • Solido supporto Linux

  • Basata in Svezia

  • Rigorosa politica no-log

  • Concetto di sicurezza ben congegnato

  • Rete di server relativamente piccola concentrata su Europa e Nord America

  • Nessuna versione di prova gratuita

  • Costosa (se scegli un pacchetto di abbonamento mensile)

3.

Mullvad VPN

Mullvad VPN
Mullvad VPN
(2.656 )
Registrazione anonima / no log
Audit di sicurezza indipendente
Prestazioni eccellenti
rete di server piccola
poche funzionalità
7,3
buono
Dati
illimitato
Dispositivi
5
Protocolli
2
Durata contratto
1 mese
Mullvad Flatrate
5,00 €
prezzo mensile
Visita Sito Web*

Per la nostra terza classificata, rimaniamo in Svezia. Mullvad ha attirato la nostra attenzione con le sue opzioni di pagamento non convenzionali e l'ampia scelta di pratiche funzionalità di sicurezza.

Gli abbonati possono iniziare a utilizzare la VPN senza fornire alcuna informazione personale (non è necessario nemmeno un nome o un indirizzo e-mail). Le opzioni di pagamento includono carte di credito e di debito, PayPal, criptovalute, carte regalo o persino contanti in una busta. Pertanto, gli utenti possono rimanere completamente anonimi.

L'app di Mullvad è limitata alle funzionalità più importanti.

Per gli utenti Linux sono disponibili più pacchetti precompilati, adatti per l'installazione su un numero di distribuzioni diverse. Oltre ai pacchetti RPM e DEB per i sistemi Intel e AMD a 64 bit, sono disponibili anche pacchetti per l'architettura hardware ARM64. Con questi, i Raspberry Pi di terza e quarta generazione possono essere configurati per l'utilizzo come VPN.

Grazie alle sue app Linux, Mullvad supporta una serie di funzionalità speciali di WireGuard. Tra queste troviamo la normale rotazione delle chiavi e lo split tunneling. Inoltre, la stretta integrazione di Mullvad nella soluzione firewall di Linux aiuta a evitare problemi di incompatibilità che potrebbero sorgere quando si stabilisce una connessione. Sono presenti anche funzionalità standard come il multi-hopping e un kill switch.

  • App altamente compatibile con il client Linux, che include tutte le funzionalità più importanti

  • Controlli di sicurezza indipendenti

  • Ottime velocità, anche su sistemi Linux

  • Usa i protocolli open-source OpenVPN e WireGuard

  • Scelta del server DNS personalizzato

  • Metodi di pagamento molto flessibili

  • Rete di server deludente focalizzata su Europa e Nord America

  • Nessuna versione gratuita o di prova

  • Solo un'opzione di abbonamento, indipendentemente dalla durata del contratto

Recensione
7,3
buono
Visita Sito Web*
Leggi la recensione
Sicurezza & Privacy
10 / 10
Performance
8,0 / 10
Bedienung & Features
6,6 / 10
Assistenza clienti
6,6 / 10
Rete di Server
5,4 / 10
4.

Windscribe

Windscribe VPN
Windscribe VPN
(129.942 )
Con i suoi prezzi flessibili e un generoso piano gratuito, Windscribe è un'ottima opzione per gli utenti VPN attenti al budget. Ha anche un'app piacevole e snella con molte funzionalità, ma purtroppo le sue prestazioni non sono all'altezza.
Tante funzionalità
Versione gratuita con limite di 10 GB
Dispositivi illimitati
Prestazioni deboli
Rete di server piccola
7,8
buono
Dati
10 - ∞
Dispositivi
illimitato
Protocolli
2
Durata contratto
0 - 12 mesi
Windscribe Free
0,00 €
prezzo mensile
Visita Sito Web*

Sul mercato dal 2016, Windscribe, un servizio canadese, è ancora uno dei volti più nuovi nel panorama delle VPN. Con oltre 500 server in 63 paesi, la sua rete è relativamente piccola. Passando agli aspetti positivi, l'attività dell'utente non viene registrata, ma vengono memorizzati solo i dati necessari per prevenire le frodi e tenere sotto controllo l'utilizzo dei dati.

Il traffico è crittografato con AES-256 e protetto con una chiave RSA lunga 4096 bit. Gli abbonamenti Premium Pro includono un generatore di configurazione, che consente agli amministratori di integrare l'accesso VPN direttamente a livello di sistema operativo, senza utilizzare l'app Windscribe. Questo generatore supporta i protocolli OpenVPN, IKEv2 e WireGuard.

Con Windscribe, puoi passare da un server internazionale a un altro con un singolo clic del mouse.

Windscribe offre agli utenti Linux due diversi pacchetti binari, entrambi includono il client GUI. Il codice sorgente dell'app è disponibile gratuitamente ed è in fase di sviluppo un pacchetto Arch Linux precompilato. I due pacchetti binari sono compatibili con le distribuzioni Linux che hanno la gestione dei pacchetti DEB e RPM. Sono supportate solo architetture a 64 bit.

Oltre all'abbonamento a pagamento, che può essere sottoscritto per diversi periodi di tempo, Windscribe offre anche una versione gratuita del suo servizio. Questa è limitata a 10 GB di traffico al mese e circa 10 diverse posizioni dei server.

  • App per desktop Linux semplice da usare

  • Compatibile con molte distribuzioni grazie ai pacchetti DEB e RPM

  • Versione gratuita per utenti occasionali

  • Relativamente pochi server

  • Non si è sottoposta a nessun controllo di sicurezza

  • Velocità solo leggermente superiori alla media sui sistemi Linux

Recensione
7,8
buono
Visita Sito Web*
Leggi la recensione
Bedienung & Features
9,4 / 10
Assistenza clienti
8,0 / 10
Performance
8,0 / 10
Rete di Server
7,4 / 10
Sicurezza & Privacy
6,0 / 10
5.

ProtonVPN

Proton VPN
Proton VPN
(117.862 )
Con la sua filosofia open source e funzionalità di sicurezza extra, Proton VPN si rivolge agli utenti VPN attenti alla sicurezza. Ma grazie alla sua interfaccia intuitiva e alle ottime prestazioni per lo streaming, vale la pena prenderla in considerazione.
Open Source e audit esterni
Più di 2900 server in 68 paesi
Prestazioni solide
Piano gratuito senza limiti di dati
non adatta per la Cina
9,1
molto buono
Dati
illimitato
Dispositivi
1 - 10
Protocolli
3
Durata contratto
0 - 24 mesi
Proton VPN Free
0,00 €
prezzo mensile
Visita Sito Web*
Gratis per sempre

Dal Canada, torniamo in Europa per la nostra quinta e ultima scelta, ProtonVPN. Con oltre 1.900 server distribuiti in 60 paesi, il servizio svizzero offre una delle reti più grandi tra i provider VPN. Le sue app sono open-source e sono state valutate come affidabili da controlli di sicurezza indipendenti. Grazie alla sua rigorosa politica no-log, ProtonVPN non salva alcun dato degli utenti.

ProtonVPN rende disponibili sia una versione gratuita che premium. Come accade spesso, gli utenti non paganti possono scegliere solo tra un numero limitato di server e dovranno accontentarsi di velocità leggermente inferiori. Gli abbonati paganti possono usufruire di sconti se sottoscrivono abbonamenti più lunghi.

Gli utenti Linux possono sfruttare sia un'app basata su GUI che un client CLI. L'app grafica è compatibile con diverse distribuzioni Linux, ma vengono offerti anche singoli pacchetti per diversi sistemi di gestione del software. Dopo aver creato un account, l'ampia documentazione di ProtonVPN, che include numerosi screenshot, ti aiuterà a completare il processo di installazione passo dopo passo per diversi derivati ​​di Linux.

Anche con ProtonVPN è semplice passare da un server all'altro.

L'app GUI è facile da integrare in una varietà di diversi ambienti desktop Linux. È anche facile da usare, permettendo di padroneggiare tutte le funzionalità che offre in pochissimo tempo.

ProtonVPN utilizza solo protocolli altamente sicuri, come OpenVPN, WireGuard e IKEv2. Tutti i protocolli supportati dalla VPN sono preinstallati con i più potenti meccanismi crittografici configurati, garantendo la massima sicurezza già dal primo utilizzo.

  • Ottimo supporto Linux

  • Client GUI semplice da usare

  • Eccellente documentazione Linux

  • Accesso VPN gratuito

  • Modello semplice di prezzi e abbonamenti

  • Controlli di sicurezza esterni e codice app open-source

  • Utilizza solo protocolli sicuri

  • Velocità medie per utenti non paganti

  • Gli utenti non paganti possono accedere solo a circa 100 server in 3 paesi

Recensione
9,1
molto buono
Visita Sito Web*
Leggi la recensione
Performance
10 / 10
Sicurezza & Privacy
10 / 10
Bedienung & Features
10 / 10
Rete di Server
8,0 / 10
Assistenza clienti
7,4 / 10

VPN Gratuite per Linux

Alcune delle nostre scelte sopra elencate, come Windscribe e ProtonVPN, offrono versioni gratuite del loro servizio, ma hanno delle limitazioni. Ad ogni modo, potrebbero essere interessanti per gli utenti Linux che hanno solo bisogno di una VPN di tanto in tanto e non prevedono di consumare molto traffico.

Oltre a ciò, alcuni provider VPN rendono disponibili versioni di prova gratuite del loro software premium. Ti consigliamo, però, di fare attenzione in questo caso: al termine del periodo di prova, di solito inizia automaticamente un abbonamento premium. Per questo motivo, è importante disattivare il rinnovo automatico del contratto (all'inizio di una prova) e annullare la prova in anticipo.

Guida: Come Usare una VPN su Linux

In generale, tutte le app GUI per VPN su Linux possono essere installate direttamente sul rispettivo ambiente desktop o immettendo comandi nel terminale. Poiché vengono utilizzati più sistemi di gestione dei pacchetti per installare programmi aggiuntivi su sistemi Linux, non esiste un'unica guida all'installazione o un'unica procedura dettagliata.

I provider VPN pubblicano guide complete per l'installazione dei loro servizi su diversi pacchetti Linux, rendendo possibile la configurazione in pochi minuti. Di seguito trovi i collegamenti a queste guide per la nostra Top 5:

Una volta che l'installazione è completa, puoi aprire ed usare immediatamente le app senza alcuna configurazione ulteriore.

Alternativa: Integrazione Manuale VPN

Gli utenti avanzati possono configurare manualmente l'accesso VPN utilizzando Network Manager, a condizione che la tua VPN supporti il ​​protocollo OpenVPN. Lo svantaggio di questo metodo è che dovrai configurare la VPN per ogni singolo server. Di conseguenza, nella maggior parte dei casi, si consiglia di utilizzare un client GUI.

Conclusioni

L'utilizzo di una VPN con Linux raramente è più complicato rispetto ad altri sistemi operativi. Finché il servizio che hai scelto offre un'interfaccia utente grafica, puoi installarlo inserendo un comando nel terminale. Inoltre, la maggior parte dei provider offre guide dettagliate per l'impostazione del proprio software su Linux.

In termini di VPN, quelle disponibili per Linux sono alla pari con quelle disponibili per altri sistemi operativi. Questo significa che avrai comunque il controllo su preferenze, impostazioni e funzionalità. Private Internet Access, OVPN, Mullvad VPN, Windscribe e ProtonVPN sono alcune delle migliori VPN per gli utenti Linux.

Domande Frequenti

Quale VPN è la migliore per Linux?

Quasi tutte le VPN sono compatibili con Linux. Per questo motivo, alcuni fattori importanti sono la velocità di trasferimento dei dati o la capacità di fornire l'accesso a contenuti locali all'estero. Alcune delle migliori opzioni per Linux sono Private Internet Access, OVPN, Mullvad VPN, Windscribe e ProtonVPN.

Come posso configurare una VPN su Linux?

La maggior parte dei provider offre app GUI scaricabili per un'ampia gamma di distribuzioni Linux. Inoltre, quasi tutti i servizi forniscono un'ampia documentazione che spiega il processo di installazione.

Esistono VPN gratuite per Linux?

Alcuni provider offrono versioni gratuite del loro software, ma di solito sono limitate in termini di quantità di dati che gli utenti possono utilizzare e/o di paesi a cui possono connettersi. Altrimenti indicato come "freemium", questo modello è utile solo per gli utenti VPN occasionali.

Ti consigliamo di stare alla larga dalle "VPN gratuite". In generale, queste si finanziano attraverso la vendita a terzi dei dati degli utenti e dei registri delle attività. Quando utilizzi una VPN di questo tipo, non avrai alcun controllo su chi può monitorare la tua attività online. A peggiorare le cose, le VPN gratuite raramente hanno gli stessi standard di sicurezza dei fornitori più affidabili.

Top VPN 2024
Sponsorizzato
da 2,99 €
al mese
NordVPN
da 6,23 €
al mese
ExpressVPN
da 0,00 €
al mese
Proton VPN
da 1,99 €
al mese
Surfshark
mostra tutto
Erik Bärwaldt lavora come consulente informatico per le piccole imprese da oltre due decenni. Pubblica inoltre regolarmente articoli specialistici su vari media sui temi di Linux, software libero e sicurezza informatica.
Scopri di Più
Recensioni
Confronto
VPN per Paese
VPN per Streaming
VPN per Gaming
Guide
Vincitore 2024
Sponsorizzato
NordVPN
Oltre 5500 server, 60 paesi
Prestazioni eccellenti
No log
Fino a 6 dispositivi contemporaneamente
Piano da 2 anni economico
9,4
Recensione
molto buono
Prova subito NordVPN